Black Bloc Roma 15 Ottobre: caccia al colpevole



L’Italia sarebbe stata pronta a protestare, ma per chi voleva farlo, si era scelta una soluzione pacifica di modo che, sarebbe stato molto più semplice far ascoltare la voce degli indignati piuttosto che il rumore che avrebbe fatto una protesta violenta spingendo l’attenzione appunto sulla cattiveria e sull’inutilità piuttosto che sul vero scopo.

E’ quindi in tutto il web caccia aperta ai black bloc. La rete ha fatto capire da subito che è rimasta sconvolta e non ha appoggiato gli eventi del 15 ottobre, anzi li ha considerati contro tutto quello per cui aveva lavorato e creduto chi volesse protestare pacificamente. Nasce quindi, il sito youreport.it dove si possono caricare video, immagini e foto di ciò che è successo a Roma, in modo che l’identificazione di questi criminali risulti da subito più chiara e si possa godere in anteprima degli aggiornamenti il sito, viene costantemente controllato dalla Digos che sta trovando molto valido l’aiuto fornito. Il maggior contributo, nonostante tutto, lo sta dando Facebook dove i collage amatoriali di quella giornata si sprecano ed il gruppo Chi sono i Black Bloc di Roma ha già fatto incetta di iscritti e di post. E’ stato creato anche un apposito forum nel caso in cui vogliate mettervi a disposizione o decidiate di contribuire alla cattura di questi personaggi sconosciuti. Vi esorto, nel caso in cui abbiate informazioni utili da dare alla polizia e alle autorità competenti di non sottrarvi nel farlo. In ogni caso, come avete avuto modo di capire, la rete sta lavorando duramente ed in maniera ottimale per trovare i colpevoli degli eventi di Roma che hanno veramente le ore di anonimato contate.